ITA | ENG

Sbucciare le castagne: vi sveliamo i trucchi

Finalmente le castagne! Inutile dire che sono una festa per gli occhi e per il palato, specialmente se, invece di acquistarle, avete la possibilità di raccoglierle facendo una bella e salutare passeggiata nel bosco. Ricordate che ci sono boschi nei quali, anche per raccogliere le castagne, oltre ai funghi, sono necessari autorizzazioni e cartellini. Sinceratevi quindi di essere in un posto dove la raccolta non è normata oppure procuratevi gli appositi permessi: raccogliere un chilo di castagne dal bosco, togliendole dai ricci (usate dei guanti) è un procedimento lungo anche se divertente, ma correte il rischio di farvi requisire tutto dalle apposite guardie forestali.  

Quindi, armatevi di sacchetto, guanti, bastone (sempre, quando si va nei boschi, tastare col bastone dove si vogliono mettere le mani. Una eventuale vipera sarà già fuggita sentendo il vostro scalpiccio, dal momento che non desidera affatto fare la vostra conoscenza, ma non si sa mai). 

Ricordate sempre di portare a casa anche qualche ciuffo con foglie e ricci intatti. In questo modo, oltre a gustare il frutto, potrete usarli come ornamento in un centrotavola per dare un aspetto autunnale alla vostra casa. Potete mettere insieme a qualche foglia rossa o gialla tipica di questo periodo. 

Castagne: buone e sane

Amidacee, dolci, ricche di sapore, botanicamente appartengono alla famiglia dei faggi o delle Fagaceae, nel genere: Castanea. Nome scientifico: Castanea. 

Le specie Castanea sono grandi alberi decidui. Sono monoici; portando sia fiori maschili che femminili (“amenti”) sullo stesso albero.  

Le castagne, a differenza di altre noci e semi, sono relativamente povere di calorie e grassi. Tuttavia, sono ricche fonti di minerali, vitamine e fitonutrienti utili per la salute. 

Un’altra caratteristica unica delle castagne è che sono composte principalmente da amido (carboidrati) in contrasto con altri tipi di semi e noci che sono piuttosto ricchi di calorie, proteine ​​e grassi. La composizione nutrizionale delle castagne è, quindi, paragonabile a quella di altri alimenti a base di amido come patate dolci, mais dolce, patate, piantaggine. Tuttavia, sono anche buone fonti di minerali, vitamine e alcune proteine ​​di buona qualità rispetto a cereali e tuberi. 

Sono un’ottima fonte di fibra alimentare; forniscono 8,1 g (circa il 21% di RDI) per 100 g. La dieta a base di fibre aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue limitando l’assorbimento di colesterolo in eccesso nell’intestino. 

Un frutto fantastico, quindi, bisognerebbe sfruttare il periodo per mangiarne delle buone quantità, ma c’è un problema. A meno che vogliate farne delle caldarroste, procedimento elementare da realizzare anche in casa con la classica pentola coi fori, avendo cura di schermare con alluminio i fornelli non utilizzati (sporcano moltissimo), per le altre preparazioni è necessario sbucciarle, procedimento quanto mai sgradevole, durante il quale non è infrequente frasi male. Abbiamo quindi pensato, prima ancora di darvi alcune ricette assolutamente inedite, di dedicare un capitolo ai modi per sbucciare le castagne “di prima”, cioè dalla buccia. 

Sbucciare le castagne: i quattro trucchi   

Metodo 1, semplice

  1. Per prima cosa prendete un contenitore di grandi dimensioni e metteteci dentro un bel po’ di acqua bollente oltre ovviamente alle castagne.  
  1. Lasciate per qualche minuto per poi toglierle e metterle in una pentola con i buchi sul fondo. Posizionatela sul fornello a fiamma alta e copritela con un coperchio. Lasciate solo qualche secondo e poi vedrete come sarà facile toglier loro la buccia. 

Metodo 2 microonde, un po’ più complicato

  1. Fare una X sul ventre della castagna. Usate un coltello da chef affilato o un coltello seghettato. Incidete una X nel lato piatto, o ventre, delle castagne. Tagliare il più profondamente possibile senza tagliare a pezzi la castagna. 

Indossare sempre guanti di gomma o di pelle per evitare di tagliarsi, perché le castagne possono essere scivolose. 

  1. Mettere le castagne in un unico strato in una pirofila di vetro. Non importa se le castagne si toccano, ma non devono essere una sopra l’altra. Coprire il piatto con uno strato di carta oleata. 
  1. Cuocere le castagne nel microonde alla massima potenza per 6 minuti. Le castagne sono pronte quando i gusci iniziano a ritrarsi.  
  1. Puoi cuocere le castagne nel microonde per un minuto in più se i gusci non si sono ritratti dopo 6 minuti. 
  1. Lasciare raffreddare le castagne per un minuto perché potrebbero essere molto calde dopo essere uscite dal microonde. Usate un coltello piccolo ma affilato per staccare i gusci e la maggior parte della pellicina marrone interna. Questo potrebbe richiedere un certo sforzo, quindi è bene lavorare lentamente e con attenzione per evitare di farsi male. 

Metodo 3 bollitura di piccole quantità per volta: lungo ma efficace 

  1. Lessate le castagne in una pentola d’acqua. Usare un fornello dal fuoco piuttosto alto e fate bollire le castagne solo per pochi minuti. Quindi, togliere la pentola dal fuoco. 
  1. Togliete le castagne con un colino poche per volta. 
  1. Avvolgere le castagne calde in un asciugamano spesso e pulito e strofinare con l’asciugamano per qualche minuto. Le bucce dovrebbero iniziare a staccarsi. 
  1. Finire di rimuovere le pelli con guanti di gomma strofinando la castagna fino a quando la pelle inizia a staccarsi. Le bucce dovrebbero staccarsi facilmente se sono state bollite a sufficienza. 

Metodo 4 Usare il Forno: procedimento in più fasi 

  1. Per prima cosa, preriscalda il forno a 218°C.  
  1. Prendi la castagna e mettila tra indice e pollice. Tenendola ben saldo, con un coltello seghettato esegui un lungo taglio sulla parte superiore arrotondata della castagna. Prova a fare il taglio in un solo movimento. Il taglio dovrebbe essere orizzontale e penetrare completamente attraverso il guscio. 
  1. Una volta tagliate tutte, mettere le castagne in una piccola casseruola. Non sovrapporle. 
  1. Coprire le castagne con l’acqua 
  1. Su un fornello, poni il pentolino con fuoco medio-alto. Lascia sobbollire l’acqua. Quindi, togli le castagne con un colino prima che l’acqua inizi a bollire. 
  1. Trasferisci le castagne dal colino su una teglia e arrostiscile nel forno preriscaldato per 15 minuti. 
  1. Potrebbe essere necessario lasciarli un po’ più a lungo se la buccia non si è staccata dopo 15 minuti. 
  1. Dopo aver tolto le castagne dal forno, mettetele in una ciotola. Coprite la ciotola con un asciugamano lasciate riposare le castagne per 15 minuti. Il vapore creato nella ciotola coperta faciliterà la sbucciatura delle castagne. 
  1. Dopo 15 minuti, dovreste essere in grado di staccare facilmente i gusci e la pelle con le mani. Alcune castagne possono essere leggermente più difficili da sbucciare rispetto ad altre. Butta via le castagne che sono appiccicose o si sono spaccate all’interno .

Condividi news

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp