ITA | ENG

Hummingbird Cake, la torta Colibrì: uno sguardo alle tradizioni del Vecchio Sud

La Torta Colibrì – chiamata anche torta banana-ananas, torta dell’Uccello Dottore, torta del dottor Byrd, torta dell’uccello del paradiso, torta del calabrone, torta giamaicana è un dolce preparato con banane e ananas schiacciato (in scatola o fresco) leggermente aromatizzato alla cannella.  

È preparato con l’olio ed è simile in questo alle torte di carote, zucchine e salsa di mele che utilizzano il lievito istantaneo e le uova per creare una delizia di facile preparazione, morbida al punto giusto, anzi, leggermente umida, ricca e saporita. Le noci pecan sono un popolare ingrediente delle torte degli anni ’70 del Sud americano. Alcune versioni richiedono anche cocco grattugiato, ciliegie o fragole. In genere è abbinato a glassa di formaggio cremoso. Oggi, la torta del colibrì viene generalmente cotta in due o tre strati rotondi, mentre la torta dell’Uccello Dottore/ torta dottor Byrd è più comunemente preparata in una padella Bundt, ma il risultato è abbastanza simile. 

La “prima volta” in cui vennero aggiunte banane alla pastella classica si fa risalire ad una ricetta del 1932 mentre l’idea di usare ananas schiacciato (in scatola o al naturale) dovrebbe risalire al periodo della Grande Depressione del 1930, ispirandosi alla “torta del paradiso” (contenente anche datteri tritati, noci e cannella). La torta rovesciata all’ananas, così popolare, è apparsa alcuni anni prima nel 1923.) La novità di combinare banane e ananas in una torta è apparsa per la prima volta in una ricetta americana dell’inizio degli anni ’70. 

Hummingbird Cake, la torta Colibrì, una fetta sontuosa 

Hummingbird Cake, dalla Giamaica, con furore 

Le aziende guidate da under 35 sono aumentate del 2% in Italia negli ultimi cinque anni e hanno una superficie superiore di oltre il 54% alla media, un fatturato più elevato del 75% della media e il 50% di occupati per azienda in più. Un vantaggio per il Paese anche grazie alla riv

Sebbene ora sia radicato nel Sud americano, questo dolce è nato come “torta dell’Uccello Dottore” alla fine degli anni ’60, senza alcuna glassa, un po’ più a sud, sull’isola della Giamaica. “Doctor bird” è un soprannome giamaicano per il suo uccello nazionale, lo Streamertail dal becco rosso, un membro della famiglia dei colibrì. Il soprannome sarebbe nato perché l’uccello sonda il fiore con il suo lungo becco, che ricorda un medico che visita un paziente. Secondo la leggenda, la sua associazione con la torta derivava dal fatto che la torta è così dolce e fruttosa da attirare i colibrì.  

In realtà sembra che sia la torta sia il nome siano il risultato di una campagna di marketing: dopo la fondazione di Air Jamaica, nell’ottobre 1968, la nuova compagnia scelse l’amato Uccello Dottore come logo. Poco dopo, il Jamaica Tourism Board cominciò a distribuire ai media stranieri opuscoli che mostrano vari piatti “locali” destinati ai consumatori americani e destinati ad attirali sull’isola “Le cartelle stampa presentate includevano un menu giamaicano modificato per il gusto americano e contenevano ricette come la torta dell’Uccello Dottore, a base di banane”. 

La diffusione in Messico e negli Stati Uniti: varianti 

Nel giro di pochi anni, la torta dell’Uccello Dottore raggiunse una notevole popolarità sia in Messico sia, successivamente, negli Stati Uniti. Nel periodo in cui negli Stati Uniti cominciarono a preparare torte alle carote con glassa di formaggio cremoso, questa variante fu applicata anche alla Torta Colibrì. La glassa di crema di formaggio dolce e leggermente piccante esalta il sapore della frutta della torta. Anche la versione a tre strati con farcitura di noci pecan divenne rapidamente popolare negli stati del Sud degli Stati Uniti. 

In alcune case americane, la Torta Colibrì è diventata un dolce tradizionale per occasioni speciali, tra cui il giorno del Ringraziamento, il Natale, Capodanno, Pasqua, la Festa della mamma e i compleanni. È anche uno dei dolci preferiti in occasione di eventi informali, come i picnic 

Hummingbird Cake, la torta Colibrì, visione della glassatura

La ricetta originale 

Ingrediente 

370 gr. di farina per tutti gli usi 

400 gr. di zucchero bianco 

1 cucchiaino di bicarbonato di sodio 

1 cucchiaino di sale 

300 gr. di olio di colza (o di oliva) 

3 uova 

1 lattina di ananas schiacciato, sgocciolato (o l’equivalente in peso di ananas fresco, circa 130 gr.) 

2 tazze di purea di banane 

1 tazza di noci pecan tritate 

1 confezione da 250/300 gr. di formaggio cremoso, ammorbidito 

125 gr.  di burro, ammorbidito 

100 gr. di zucchero a velo 

1 cucchiaino di estratto di vaniglia 

Procedimento 

  1. Preriscaldare il forno a 175 gradi C). Imburrate e infarinate due tortiere da 22/23 cm. di diametro. 
  1. Setacciare insieme la farina, lo zucchero, il bicarbonato e il sale e mettere da parte. 
  1. In una ciotola capiente, unire l’olio, le uova, l’ananas, le banane e le noci. Aggiungere la miscela di farina e mescolare a mano. 
  1. Versare la pastella nelle teglie preparate. Cuocere in forno preriscaldato fino a quando uno stuzzicadenti inserito al centro di ogni teglia non esce pulito, circa 1 ora. Sfornare e lasciar raffreddare su una gratella 
  1. Preparare la glassa frullando insieme la crema di formaggio, il burro, lo zucchero e la vaniglia fino ad ottenere un composto liscio. Distribuire uniformemente la glassa al centro, ai lati e sulla parte superiore della torta. 

Condividi news

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp