ITA | ENG

Epifania, dolci intorno al mondo

El roscón de reyes , la corona dei Re Magi, spagnolo 

Il roscón de reyes è un dolce natalizio tipico delle case spagnole, quasi una presenza obbligata alle tavole dei festeggiamenti. E’ difficile stabilire quale sia la ricetta più tradizionale, farcito e no, perché un dolce così popolare subisce infinite modificazioni i paese in paese e di casa in casa. Noi via diamo una ricetta classica. Si tratta di una tradizione legata alla classica corona dell’Avvento commestibile, contenente, come da tradizione, un fagiolo.

La tradizione del fagiolo 

Per capire il significato della fava o fagiolo, è importante spiegare la storia del Roscón de Reyes e risalire all’origine di questo dolce. Ha avuto luogo nel II secolo aC, momento in cui aveva la forma di una torta. Era un dolce tipico della festa dei Saturnali, cioè la celebrazione della fine del periodo più buio dell’anno e dell’inizio della luce fatta dai contadini e dagli schiavi, dispensati durante quelle settimane da ogni tipo di lavoro. Con il passare dei secoli e l’arrivo del III d.C., la fava iniziò ad essere introdotta nel roscón de Reyes. Era considerato un simbolo di prosperità e fertilità. Chi la trovava doveva quindi ritenersi molto fortunata, poiché il legume era segno di prosperità per il resto dell’anno. 

Già nel Medioevo il fagiolo perse il suo significato originario: nel giorno dei Re Magi veniva scelta una figura considerata il re del fagiolo. Il re del fagiolo era una persona del tutto insignificante per il resto della società che era autorizzato a regnare per un giorno in un territorio con tutto sottosopra, cioè l’abate rinunciava al suo potere di comando e i cavalieri subivano crudeli scherzi da parte da noti ladri e ubriaconi. Dopo questo giorno, il re del fagiolo riceveva la punizione che gli corrispondeva affinché i potenti si considerassero vendicati. La persona che era stata il re del fagiolo divenne l'”idiota”, la cui espressione è oggi molto in voga. 

Roscon de Reyes, la ricetta 

Epifania, dolci intorno al mondo: El roscón de reyes nella versione classica

Ingredienti

600 gr. di farina di grano duro 

40 gr. lievito fresco 

200 ml. latte caldo 

zucchero bianco 

5 uova m 

scorza d’arancia 

Scorza di limone 

100 grammi di burro 

vecchio rum 

Vaniglia 

Sale 

mandorle 

frutta candita

Preparazione:

  1. Mettete metà del latte tiepido in una ciotola. Diluitevi 15 grammi di lievito di birra fresco. 
  1. Versare 120 grammi di farina in un’altra ciotola e fare un buco nel mezzo con un dito. Aggiungere il composto di latte e lievito nel pozzo. 
  1. Mescolare in cerchi con un cucchiaio e continuare con le mani sino a quando è be amalgamato. 
  1. Formare una palla e fare un taglio a forma di croce in alto. 
  1. Riempire una ciotola capiente con acqua tiepida. Immergere la palla per 10 minuti. Rimuovere quando galleggia e mettere da parte in una ciotola separata. 
  1. Versare il resto della farina in una ciotola capiente e fare un buco al centro con il dito. 
  1. Sbattere 3 uova con lo zucchero, due cucchiai di rum, un cucchiaio di essenza di vaniglia, un cucchiaio piccolo di sale, la scorza di arancia e limone. Amalgamare ben gli ingredienti e metterla parte. 
  1. Diluire il resto del lievito di birra fresco nel latte tiepido. Versare questo composto e quello precedente nel buco della ciotola con la farina. 
  1. Sbattere con il cucchiaio di legno dal centro verso l’esterno. Aggiungere il burro e la palla messa da parte. Mescolare per 5 minuti fino ad ottenere una massa appiccicosa. 
  1.  Preparare il piano di lavoro cospargendolo di farina. Togliere l’impasto dalla ciotola e iniziare a impastare a mano. 
  1. Lavorare l’impasto sul piano di lavoro e su sé stessa per 30 minuti. Aggiungere la farina quando inizia ad attaccarsi alla superficie o alle mani. 
  1. Fare riposare per 10 minuti e impastare un’ultima volta fino ad ottenere un risultato liscio ed elastico. 
  1. Formare una palla e metterla in una ciotola. Infarinare leggermente e coprire con un canovaccio per almeno 3 ore. 
  1. Togliere dalla ciotola e adagiare su carta da forno su una teglia. Inserite le dita al centro allargando il foro a poco a poso (per fare la ciambella). 
  1. Coprire con un canovaccio e lasciar riposare per 2 ore. 
  1. Preriscaldare il forno a 200ºC sopra e sotto. 
  1. Sbattere il resto delle uova con un goccio di latte freddo. Spennellare la superficie dell’impasto. 
  1. Versare in una ciotola delle gocce d’acqua con lo zucchero bianco e impastare con le dita e cospargere le “pietre” di zucchero sul roscón. 
  1. Aggiungere mandorle e frutta candita per decorare. 
  1. Cuocere per 25 minuti a 180ºC. Togliere dal forno e lasciare raffreddare per gustare. 

Roscón de reyes ripieno o no? 

Uno dei grandi dibattiti natalizi è se scegliere o meno un roscón de reyes ripieno. Le possibilità si moltiplicano a seconda dei gusti, ma ci sono alternative facili e veloci da fare in casa: 

Panna. Montare della panna con più del 35% di grassi e aggiungere lo zucchero bianco. Mettere all’interno del roscón con una tasca da pasticcere dopo aver fatto riposare in frigo per un’ora. 

Crema al cacao. Montare la panna con una spolverata di cacao e zucchero di canna. Riempire il roscón con una tasca da pasticcere e far riposare in frigo per un’ora prima. 

Crema alla vaniglia. Montare la panna con la vaniglia. Sbattere fino ad ottenere una consistenza lucida e lasciate riposare in frigo per un’ora. Riempire il roscón con una tasca da pasticcere. 

Condividi news