ITA | ENG

Dolci famosi: tre ricette per farli rivivere

Quali sono stati, e molti sono ancora, i dolci più amati nei decenni passati? Ce ne siamo dimenticati? Magari vorremmo riproporli, perché erano deliziosi, anche se talora un po’ difficili da preparare. Vi offriamo qui di seguito le ricette dettagliate di tre, quelli che ci sono sembrati i più scenografici! 

La ricetta top del 1910 

Pan di Spagna farcito 

I pan di spagna leggeri come l’aria sono stati molto popolari in questo decennio, dalle prelibatezze preparati in famiglia, ai dessert eleganti e persino per le torte nuziali. 

Ingredienti 

8 uova grandi, separate 

1 tazza più 2 cucchiai di farina per tutti gli usi 

2/3 di tazza più 2/3 di tazza di zucchero, divisi 

1/2 tazza di succo d’arancia 

3 cucchiai di scorza d’arancia grattugiata 

1/2 cucchiaino di sale 

1/4 cucchiaino di cremor tartaro 

Per la glassa

1-1/2 tazze di zucchero 

6 cucchiai di farina per tutti gli usi 

2/3 tazza di succo d’arancia 

3 cucchiai di scorza d’arancia grattugiata 

2 uova grandi 

2 tazze di panna da montare  

1 tazza di noci pecan tritate 

Preparazione

  • Mettere gli albumi in una ciotola capiente; lasciar riposare a temperatura ambiente 30 minuti. Nel frattempo preriscaldare il forno a 325°.  
  • Setacciare la farina due volte. 
  • In un’altra ciotola capiente, sbattere i tuorli d’uovo fino a quando non si saranno leggermente addensati. Aggiungere gradualmente 2/3 di tazza di zucchero, sbattendo ad alta velocità fino a ottenere una crema densa e color limone. Incorporare la farina ai tuorli. 
  • A parte, sbattere il succo d’arancia e la scorza d’arancia. 
  • Aggiungere sale e cremor tartaro agli albumi; con le fruste pulite, sbattere a fuoco medio fino a quando non si formano picchi morbidi. Aggiungere gradualmente i 2/3 di tazza di zucchero rimanenti, 1 cucchiaio alla volta, sbattendo in alto dopo ogni aggiunta fino a quando lo zucchero non si è sciolto. Continuare a sbattere fino a quando non si formano picchi morbidi e lucidi. Unire un quarto degli albumi alla pastella, quindi finire di incorporare gli albumi rimanenti. 
  • Trasferire delicatamente in una teglia da circa 23 cm. non unta. Cuocere sulla griglia più bassa del forno per 45-55 minuti o fino a quando la parte superiore non si rigonfia quando viene leggermente premuta. Capovolgere immediatamente la teglia e lasciar raffreddare la torta nel suo contenitore per circa 1-1/2 ore. 
  • Nel frattempo, in una casseruola capiente, mescolare lo zucchero e la farina rimasta. Sbattere con il succo d’arancia e la scorza d’arancia. Cuocere e mescolare a fuoco medio fino a quando non sarà addensato e spumoso. Ridurre il calore al minimo; cuocere e mescolare ancora 2 minuti. Togliere dal fuoco. 
  • In una piccola ciotola, sbattere una piccola quantità di composto caldo nelle uova; rimettere il tutto in padella, sempre sbattendo. Portare a ebollizione; cuocere e mescolare 2 minuti. Trasferire immediatamente in una ciotola pulita. Raffreddare 30 minuti.  
  • Premere la pellicola trasparente sulla superficie della miscela di arance; porre in frigorifero a raffreddare completamente. 
  • In una ciotola capiente, sbattere la panna fino a ottenere dei picchi morbidi; incorporare al composto di arance.  
  • Passare un coltello attorno ai lati e al centro dello stampo. Rimuovere la torta e porla su un piatto da portata.  
  • Usando un lungo coltello seghettato, tagliare la torta orizzontalmente in 3 strati. Spalmare la glassa tra gli strati e sopra e sui lati della torta. Cospargere con le noci pecan. Mettere in frigo fino al momento di servire. 

La ricetta top del 1920 

Nel 1925, la Dole, celebre azienda produttrice di frutta sciroppata, organizzò un concorso per la migliore ricetta di ananas. Non solo la torta rovesciata all’ananas vinse ma ce n’erano in concorso ben 2500 versioni: chiaramente si trattava del dessert preferito da cuochi e cuoche casalinghi. 

Ingredienti 

(conversione dalle misure degli Stati Uniti qui

1/2 tazza di burro 

1 tazza di zucchero di canna confezionato 

1 lattina (20 once) di ananas a fette 

1/2 tazza di noci pecan tritate 

3 uova grandi, separate, a temperatura ambiente 

1 tazza di zucchero 

1 cucchiaino di estratto di vaniglia 

1 tazza di farina per tutti gli usi 

1 cucchiaino di lievito in polvere 

1/4 di cucchiaino di sale 

Ciliegie al maraschino 

Preparazione 

  • Preriscaldare il forno a 375°. Sciogliere il burro in una teglia antiaderente di circa 22 cm.. Aggiungere lo zucchero di canna; mescolare bene fino a quando lo zucchero non si sarà sciolto.  
  • Scolare l’ananas, riservando 1/3 di tazza di succo (se usate quello fresco, fate fette sottili e conservante il sugo). 
  • Disporre circa 8 fette di ananas in un unico strato sopra lo zucchero. 
  • Cospargere le noci pecan sull’ananas; mettere da parte 
  • In una ciotola capiente, sbattere i tuorli d’uovo fino a quando non saranno densi e color limone. Aggiungere gradualmente lo zucchero, sbattendo bene. Sfumare con la vaniglia e il succo di ananas messo da parte. Unire la farina, il lievito e il sale; aggiungere gradualmente alla pastella e mescolare bene. 
  • In una ciotolina sbattere gli albumi ad alta velocità fino a ottenere un composto spumoso, mescolare nella pastella e versare; piegare nella pastella. Versare il tutto nella tortiera. 
  • Cuocere fino a quando uno stuzzicadenti inserito al centro non esce pulito, 30-35 minuti (coprire senza schiacciare con un foglio di alluminio se la torta si colora troppo in fretta).  
  • Lasciar riposare 10 minuti prima di capovolgere sul piatto da portata. Mettere le ciliegie al centro delle fette di ananas. 

Il dolce top degli anni ’50

Al culmine del pranzo, offrire l’Alaska al forno era di gran moda. Lo splendido piatto non era solo un delizioso dessert, ma mostrava l’indiscutibile abilità del cuoco. 

Spumone al forno dell’Alaska 

Per una rinfrescante conclusione di un pasto particolarmente ricco, provate questa bellissima torta: la varietà dei colori e la sua copertura scateneranno lo stupore dei vostri ospiti.  

Ingredienti per 12 porzioni 

 1/2 tazza di burro, a cubetti 

50 gr. di cioccolato non zuccherato tritato 

1 tazza di zucchero 

1 cucchiaino di estratto di vaniglia 

2 uova grandi, a temperatura ambiente 

3/4 di tazza di farina per tutti gli usi 

1/2 cucchiaino di lievito in polvere 

1/2 cucchiaino di sale 

1 tazza di nocciole tritate 

2 litri di gelato alla vaniglia, ammorbidito  

1/2 tazza di pistacchi tritati 

1/2 cucchiaino di estratto di mandorle 

6 gocce di colorante alimentare verde, facoltativo 

1/3 tazza di ciliegie al maraschino tritate 

1 cucchiaio di succo di ciliegia al maraschino 

1 cucchiaio di rum 

Per la meringa: 

8 albumi grandi, a temperatura ambiente 

1 tazza di zucchero 

1 cucchiaino di cremor tartaro 

Preparazione

  • Preriscaldare il forno a 350°. In una ciotola adatta al microonde, sciogliere il burro e il cioccolato; mescolare fino a che il composto risulta liscio. Unire lo zucchero e la vaniglia. Aggiungere le uova, 1 alla volta, sbattendo bene dopo ogni aggiunta. Unire la farina, il lievito e il sale; incorporare gradualmente al composto di cioccolato. Unire le nocciole. 
  • Stendere in una teglia rotonda da circa 20 cm. Cuocere fino a quando uno stuzzicadenti inserito al centro esce appena umido), 35-40 minuti. Raffreddare 10 minuti prima di rimuovere dalla teglia su una griglia per far raffreddare completamente. 
  • Nel frattempo, in una ciotola da 20 centimetri circa foderata accuratamente con un foglio di carta oleata. In una ciotola più piccola, mettere 1 quarto del gelato; aggiungere i pistacchi, l’estratto di mandorle e, a piacere, il colorante alimentare.  
  • Distribuire rapidamente il gelato sul fondo e sui lati della ciotola foderata di carta stagnola, lasciando il centro vuoto; coprire e congelare per 30 minuti. 
  • In una piccola ciotola, unire le ciliegie, il succo di ciliegia, il rum e il restante 1 quarto di gelato. inserire il gelato nel centro cavo della ciotola; coprire e congelare. 
  • In una casseruola capiente, unire gli albumi, lo zucchero e il cremor tartaro. Con una frusta a mano, sbattere a bassa velocità per 1 minuto. Continuare a sbattere a fuoco basso finché il composto di uova non raggiunge i 160°, circa 8 minuti.  
  • Trasferire in una ciotola; sbattere fino a quando non si formano picchi lucidi e rigidi e lo zucchero non si scioglie. 
  • Mettere il brownie (la base) preparato in anticipo su una teglia foderata di carta da forno non unta; ricoprire con lo stampo per gelato rovesciato. Rimuovere la pellicola. Spalmare immediatamente la meringa sul gelato, sigillando i bordi della base. 
  • Congelare fino al momento di servire, fino a 24 ore. 
  • Preriscaldare il forno a 400°. Cuocere fino a quando la meringa non sarà leggermente dorata, 2-5 minuti. Trasferire su un piatto da portata; servire subito. 

Condividi news

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp