Come fare i biscotti

Come fare i biscotti: davanti alla televisione per molte ore al giorno, i bambini sono letteralmente subissati da pubblicità di dolcetti, merendine e biscotti. Fortunatamente anche da telefilm americani nei quali la cottura dei biscotti pare un evento abbastanza normale, quasi quotidiano. È facile immaginarsi quelle grandi cucine, che profumano intensamente, diffondendo nell’ambiente un aroma intimo e famigliare.

Fare i biscotti in casa non è difficile, anche se è necessario un buon forno, per ottenere risultati soddisfacenti da subito.

È comunque sempre meglio fare i biscotti in casa piuttosto che buttarsi sulle molte proposte dei supermercati: non solo è molto più economico ma è anche molto più creativo e i tipi di biscotti da realizzare sono pressoché infiniti. Ovviamente ce ne sono di facilissima realizzazione e altri più complicati ma con un po’ di pratica, chiunque può sfornare i suoi profumati biscotto fatti in casa.

Quindi, rimbocchiamoci le maniche e prepariamoci a divertirci con farina, burro e zucchero.

Come fare i biscotti: il forno

Statico o ventilato? Il forno classico, e anche più vecchio, è il forno statico. La sua caratteristica è che irraggia da sopra e da sotto (come il forno a gas, che però irraggia solo da sotto. Il forno statico ha una cottura più lenta e delicata, anche se meno uniforme, ed è perfetto per le ricette che prevedono il lievito, perché permette alla preparazione di gonfiarsi dolcemente, di dorare fuori rimanendo morbido all’interno. Tipiche ricette da forno statico sono i pan di spagna, le torte della nonna coi pinoli, insomma, le torte alte.

Al contrario, il forno ventilato cuoce più velocemente e in maniera uniforme. Crea una bella crosticina lasciando morbido l’interno quindi va benissimo per le preparazioni che richiedono di dorare rimanendo morbide all’interno. Tipico esempio, sono le crostate e i biscotti.

Questo non significa affatto che con il forno statico non si possono fare i biscotti: semplicemente, sarà necessario mettere in atto alcuni accorgimenti. Il primo è aumentare il calore di cottura. Un calore ottimale è sui 200 gradi. Bisogna fare attenzione ad eliminare la leccarda, che impedisce al calore di salire, e tenere sempre conto che la cottura del sopra e del sotto dei biscotti è differente, perché il contenitore protegge la pasta dal bruciare ma diffonde anche uniformemente il calore. Insomma, se i biscotti sono troppo in alto, è quasi certo che bruceranno sopra. La posizione ideale è quella di mezzo, controllando sempre che i biscotti non tendano a bruciare.

È anche fondamentale scegliere il giusto stampo: un tempo, si ungeva la leccarda e si posizionavano i biscotti lavorandoli manualmente. Oggi, esiste una varietà di teglie pressoché infinita. Particolarmente comode sono quelle in silicone.

Fare i biscotti, ma quali biscotti?

Perché non esaminarne alcuni tipi per poi decidere quale fa al caso nostro?

I biscotti tradizionali italiani possono essere di pasta frolla (che richiede un po’ di pazienza, ma si lavora bene e da risultati deliziosi) o biscotti secchi classici, canestrelli, biscottoni morbidi da inzuppare (fatti solo con uova, zucchero e amido, quindi adatti anche ai celiaci) sino ai più complicati “occhi di bue”, “brutti ma buoni”, fatti con le nocciole, deliziosi savoiardi eccetera.

I biscotti più elaborati possono essere adatti per festicciole in famiglia mentre i biscotti “da tutti i giorni” sono i semplici biscottoni morbidi, oppure secchi, semplici. Che sono anche quelli più facili da preparare.

Una ricetta

In sostanza, per fare una teglia da 25 biscotti secchi sono necessari:

50 gr di zucchero

  • 50 gr di zucchero 
  • 70 gr di burro 
  • 250 gr di farina 00 
  • 100 ml di latte 
  • 10 gr di lievito per dolci
  • Vanillina (se piace) 
  • Un pizzico di sale

Fare la fontana con la farina e aggiungere il burro ammorbidito, il sale, lo zucchero, il lievito e la vanillina. Unire il latte lentamente, per evitare di fare grumi e impastare delicatamente sino ad ottenere un impasto morbido ed elastico.

A questo punto bisognerà stendere l’impasto, e nulla ci vieta di utilizzare l’apposita macchina, regolandola perché la sfoglia resti spessa.

Ora comincia il divertimento: con le apposite formine, tagliate i biscotti in varie forme, sempre però, più o meno della stessa dimensione. Potete creare una teglia di semi di carte da gioco, di soli e cuori, insomma, sbizzarritevi.

Foderate una teglia con carta da forno e infornate in forno già caldo a 180° (se avete il forno statico, potrebbe essere necessario arrivare a 200°).

La cottura dovrebbe durare una quindicina di minuti. Non aprite il forno sinché la cottura è ultimata.

Sfornateli e staccateli delicatamente, sono ancora abbastanza fragili, e poneteli a raffreddare in un luogo asciutto. Lontano dalla portata di bambini e altri cuccioli di casa.

Condividi news

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp