ITA | ENG

Bûche de Noël: accendiamo le tavole ricordando la tradizione del ceppo natalizio – parte 1

È la stagione dei dolci natalizi festivi. E più ce ne sono, più allegre saranno le vacanze. Oggi vogliamo suggerirti alcune ricette poco note ma deliziose che ti condurranno in un giro intorno al mondo. Servi una di queste ricette di dessert per completare un delizioso pasto festivo, portali alle feste di Natale o semplicemente goditi i dolci mentre decori l’albero. In queste ricette, i sapori natalizi preferiti da tutti o quasi, cioccolato,

Un dolce tradizionale francese servito dopo la cena principale di Natale è la Bûche de Noël, un rotolo di pan di spagna leggero, ricoperto di cioccolato o crema al burro al caffè che viene ornato per dare l’impressione della corteccia come evocazione dell’antica tradizione di bruciare il ceppo di Yule. Bûche de Noël sono infinite varianti, persino fatto con la polenta o le castagne al posto del pan di spagna. Vi forniamo due ricette diverse e, insieme, vi raccontiamo la leggenda del ceppo di Yule da cui il Bûche de Noël prende origine.

Dal più semplice spalmato di crema al cioccolato, al più complesso, ricoperto di grandi scaglie di cioccolato disposte in modo da creare l’illusione della corteccia, decorandola con foglie di zucchero e funghi di meringa, è sempre una squisitezza, e non mancherà di affascinare i vostri ospiti.

Bûche de Noël: la tradizione del ceppo di Yule

Fin da prima del medioevo, il Natale veniva celebrato in molte case europee con l’accensione di un ceppo natalizio. L’usanza di bruciare il ceppo di Yule precede quindi l’era medievale ed è radicata nei rituali pagani. Nella tradizione nordica, “Yule” era il nome dei festival del solstizio d’inverno tradizionalmente tenuto in Scandinavia, Germania e altre parti del Nord Europa.

In origine, lo Yule Log era un intero albero che veniva selezionato con cura e portato in casa: l’estremità larga del ceppo sarebbe stata collocata nel focolare e illuminata, mentre il resto dell’albero sporgeva nella stanza.

Tradizionalmente, si pensava che lo Yule Log determinasse la fortuna o la sfortuna di una persona nel nell’anno successivo ma lee superstizioni variavano in tutta Europa.

Una superstizione sosteneva che se il ceppo non avesse preso fuoco al primo tentativo di accenderlo, tutti gli abitanti della casa avrebbero avuto sfortuna nel nuovo anno.

Un altro che i resti del ceppo dovevano essere conservati con cura e utilizzati per accendere il ceppo natalizio dell’anno successivo in modo che la buona fortuna potesse estendersi attraverso le generazioni. Le ceneri venivano spesso conservate sotto il letto di un membro della famiglia, il che che avrebbe scongiurato i fulmini e tenuto a bada gli spiriti maligni.

Ceppo di Natale: la diffusione in Europa

Man mano che l’usanza del ceppo natalizio si diffondeva in tutta Europa, vari tipi di legno divennero popolari nei diversi paesi. In Inghilterra, è tradizionale la quercia mentre la betulla è usata in Scozia. Il ciliegio è tipico della Francia dove c’è l’uso di spruzzare il ceppo di vino prima che venga bruciato per diffondere il profumo in tutta la casa.

Secondo le tradizioni inglesi, lo Yule Log viene tagliato alla vigilia di Natale e deve bruciare durante i 12 giorni di Natale. Il Bûche De Noël, o Ceppo di Yule, è diventato un dolce natalizio tradizionale.

Il ceppo e la ricetta

Seppur non così diffuso, anche in Italia ci sono svariate forme di tronchetto di Natale, perlopiù a forma di doppio ramo e decorato con il cioccolato fuso ma ci sono anche delle sorprese: alla zuppa inglese, al cioccolato bianco e amaretti, persino fatto con polenta o biscotti sbriciolati (vi consigliamo questi, inimitabili, di Primo Pan) oppure a base di sorbetto o gelato disponibile in una moltitudine di combinazioni di sapori. Diciamo che la tradizione vuol che sia un dolce dalla forma classica a base di génoise o pan di spagna, generalmente cotto in una teglia larga e poco profonda, poi arrotolato a cilindro, glassato e decorato.

Bûche de Noël, la ricetta tradizionale

Bûche de Noël al cioccolato: la ricetta

(per 8 persone)

Ingredienti:

8 cucchiai da dessert di cacao in polvere

4 pizzichi di sale

150 g di farina

8 uova

225 g di zucchero a velo

4 cucchiai da dessert di rum o Grand Marnier

4 cucchiaini di gelatina in polvere

250 g di cioccolato fondente (oltre il 60% di cacao)

80 g di zucchero a velo

4 cucchiai rasi di pasta di castagne confit (pate de marrons confit)

250 g di crème fraiche integrale

Polvere di cacao

Personaggi natalizi, idealmente commestibili a base di marzapane o zucchero a velo

Per la torta:

  1. Preriscaldare il forno a 200°C.
  2. Togliere la teglia dal forno e adagiarvi sopra della carta da forno ricoperta da un sottile strato di burro e farina.
  3.  In una ciotola setacciate insieme la farina, il cacao in polvere e il sale. In ciotole distinte, separare i tuorli dagli albumi, quindi montare gli albumi fino a farli gonfiare ma non farli diventare troppo sodi. Aggiungere 180 g di zucchero agli albumi e sbattere il composto fino a renderlo sodo. Quindi aggiungere il resto dello zucchero ai tuorli e sbattere fino a quando il composto diventa bianco e cremoso.
  4. Aggiungere l’estratto di mandorle e il mix di farina al composto di tuorli d’uovo e mescolare accuratamente.
  5. Mescolare lentamente gli albumi usando una spatola di metallo piegandoli in su e in giù, avendo cura di mantenerli belli sodi.
  6. Versare il composto sulla carta e utilizzare una spatola per stenderlo sulla carta in uno strato uniforme.
  7.  Mettere in forno per 12 minuti, la torta è pronta quando inizia a prendere un po’ di colore e sulla superficie compaiono delle bollicine.
  8. Mentre la torta è in forno preparate un’altra carta da forno su cui spalmate uno strato di zucchero a velo. Una volta cotta la torta, sfornatela e rovesciatela subito sul nuovo foglio di carta. Rimuovere la carta utilizzata per cuocere la torta, quindi arrotolare con cura la torta mantenendo la nuova carta in posizione. Far raffreddare completamente su una griglia.

Per la crema:

• sciogliere il cioccolato a bagnomaria

• in una ciotola a parte mescolare il rum e la gelatina, quindi unire a questa il cioccolato fuso

• aggiungere al mix di cioccolato, quindi aggiungere la crème fraiche e mescolare accuratamente

• mettere da parte l’impasto a riposare un po’

Per assemblare la bûche:

• Srotolate con cura la torta, togliete la carta, ricoprite la torta con circa metà del composto di crema e arrotolate nuovamente la torta, adagiatela su un piatto da portata e poi ricopritela con il resto della crema

• Con una forchetta date alla crema la consistenza di un tronco d’albero, setacciare sopra il tronco il cacao in polvere e decorare con i personaggi natalizi

• Mettere il ceppo in frigo per 3 ore a solidificare e tirarlo fuori dal frigo circa un’ora prima di servirlo.

Condividi news