ITA | ENG

Banana, le ricette più golose per un frutto economico e delizioso

Banana, le ricette più golose per un frutto economico e delizioso. Idee curiose per gustare in versione dolce e salata questi frutti versatili e pronti all’uso.

Banana, da dove viene questo frutto che fa impazzire i bambini e si presta, anche se in Italia non si usa molto, alla creazione di dessert con la frutta facili da preparare, belli da guardare e raffinati da gustare? 

La coltivazione della banana è tanto remota che è quasi impossibile precisarne le origini; se ne ebbero le prime notizie dalla spedizione di Alessandro il Grande in Asia, oltre il fiume Indo I soldati avrebbero voluto gustare questi frutti sconosciuti ma Alessandro lo vietò, nel timore che fossero velenosi. 

Forma banana

Per contro Plinio, nel 79 a.C. (anno quanto mai tragico, per lo Storico, che morì proprio nel 79 a.C., durante l’eruzione del Vesuvio), sembra parlare chiaramente delle banane, dicendo che uno solo di questi frutti può nutrire quattro persone. Secondo gli Indù, non fu la mela ma la banana il frutto proibito tanto che situavano il Paradiso Terrestre nell’isola di Ceylon, dove queste piante abbondano; per tale ragione, una varietà di banano, oltre al nome scientifico di Musa Paradisiaca, porta anche quello di Fico d’Adamo. 

In Europa, per le evidenti difficoltà di trasporto e conservazione, cominciarono a essere largamente conosciute e apprezzate verso la fine del diciottesimo secolo. 

Senza giungere agli eccessi di Plinio, le banane possono essere frutti molto grandi ma non così grandi anzi, esiste la varietà baby, ancora più deliziosa della banana classica, la banana vietnamita, a sezione triangolare, più corta ma anche più tozza della banana classica, e dal gradevole sapore asprigno. 

Oltre che buone ed economiche, le banane sono, senza dubbio, uno dei frutti più nutrienti che esistano. 

Ricette con le banane 

In Italia le mangiamo quasi esclusivamente come frutta o spuntino ma esistono molti modi diversi per prepararle, sia in versione dolce, sia salata. Per esempio, si possono fare a purè per accompagnare gli arrosti, o usate per insaporire le insalate, sia cotte sia crude. Tuttavia, conferiscono alle verdure un aroma insolito, che potrebbe non piacere a tutti. Si tratta quindi di esperimenti da fare esclusivamente in famiglia. 

Si va invece sul sicuro se si presentano le banane come dessert, per esempio in insalata con le arance tagliate a fettine  e condite con zucchero e cognac o altro liquore; insoluta ma squisita la crostata di banane, creata ricoprendo un disco di pasta frolla di fettine di banane cosparsa di marmellata di albicocche sciolta in pochissima acqua; e non dimentichiamo le banane fritte: tagliate per il lungo, passate nella pastella e fatte dorare al punto giusto in una padella con burro ben caldo, e servite spolverate di zucchero vanigliato, sono una merenda golosissima. 

Veniamo però alle due ricette che vogliamo proporvi, non molto conosciute ma veramente ottime. 

Banane alla fiamma  

Dosi per quattro persone 

  • quattro banane 
  • quattro cucchiaiate di zucchero in polvere 
  • 40 grammi di burro 
  • un bicchierino di cognac 
  • per accompagnare Foglie di Mais, le celebri Paste di Meliga Primo Pan 

Utensili 

  • un coltello
  • una teglia di porcellana da fuoco 
  • una casseruolina

Tempi preparazione 

¼ d’oro per la cottura 

  1. Sbucciate le banane che devono essere piuttosto grosse e dividetele nel senso della lunghezza. Deponetele nella pirofila, cospargetele di zucchero e di fiocchetti di burro. 
  1. Passate nel forno caldo per 5/6 minuti. 
  1. Mettete nella casseruolina il liquore facendolo scaldare leggermente, togliete le banane dal forno, cospargetele ancora di zucchero, versate il liquore e accendete al momento di presentare in tavola accompagnando con Foglie di Mais Primo Pan come goloso cucchiaio da dessert. 

Banane meringate 

  • Ingredienti e dosi per quattro persone  
  • 100 gr di riso
  • 50 gr. di biscotti Drole Primo Pan sbriciolati grossolanamente
  • una cucchiaiata di zucchero
  • un bicchiere e mezzo di latte
  • due uova
  • un pizzico di sale
  • la scorza di un limone grattugiata
  • tre banane
  • una cucchiaiata di marmellata di albicocca
  • una cucchiaiata di uvetta ammollata
  • pane grattato
  • zucchero a velo vanigliato 
  • olio e burro

Utensili  

  • Una casseruola   
  • Un mestolo
  • Una padella

Preparazione  

20 minuti per cuocere il riso e circa mezz’ora per friggere le crocchette 

Procedimento 

  1. Cuocete il riso nel latte, scolando il latte che fosse di troppo. Quando il riso sarà cotto unitevi il sale lo zucchero la scorza grattugiata di limone, un uovo sbattuto e i biscotti Drolo sbriciolati. Mescolate e lasciate raffreddare il composto a raffreddare il composto 
  1. Alle banane sbucciate e tagliate a dadini aggiungete la marmellata, l’uvetta ammollata e spremuta e il limone. 
  1. Prendete nel palmo della mano bagnata una cucchiaiata di riso, mettete in mezzo un po’ del composto di banane e formate le crocchette, ovali o rotonde 
  1. Passate nell’uovo sbattuto poi nel pan grattato e fate rosolare nell’olio o nel burro, come preferite. 

Condividi news

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp