Agricoltura Piemonte, 4 buone notizie per vino e territorio

Agricoltura Piemonte, una crescita sempre più orientata alla sostenibilità. È questo il percorso intrapreso dalle aziende della Viticoltura Piemonte. Questo percorso di tracciabilità e sostenibilità è stato premiato con la Certificazione Valoritalia Equalitas di ben nove aziende in pochi mesi.

Equalitas nasce da una iniziativa di Federdoc ed Unione Italiana Vini e si avvale della collaborazione di Valoritalia, primo ente certificatore delle Denominazioni di Origine del Vino, di CSQA Certificazioni, leader italiano nella certificazione agroalimentare, Gambero Rosso, il più grande gruppo editoriale italiano dell’Agrifood e 3AVino, società specializzata nella finanza vitivinicola.

Equalitas è uno standard sul Vino Sostenibile che risponde alle esigenze del settore di dotarsi di uno schema condiviso, oggettivo e certificabile da un ente terzo. I tre pilastri sui quali l’azienda affronta la sostenibilità sono: sociale, ambientale ed economico. Ma anche altre aziende stanno seguendo questo iter di certificazione senza dimenticare le 398 aziende biologiche e le 460 già certificate con standard SQNPI A queste si aggiungono, sempre nel settore vitivinicolo e certificate da Valoritalia, le 398 aziende biologiche e le 460 certificate con lo standard SQNPI da agricoltura integrata.

La produzione agricola piemontese, d’altra parte, si sta orientando da molti anni alla salvaguardia del territorio e della biodiversità in vista di prodotti che rispondano alla nuova sensibilità dei consumatori, che sempre più chiedono prodotti a filiera corta, coltivati con i principi. Questi premi e l’evidenza del percorso preso con decisione dalla viticoltura e dell’agricoltura piemontese diventa ancora più rilevante in occasione della Giornata della Terra 2021 svoltasi il 22 aprile, che rimarca l’importanza di un uso consapevole delle risorse, della preservazione dei terreni agricoli e forestali, ridurre il consumo del suolo e tutelare le aree rurali dove gli agricoltori, con il loro impegno sostenibile, tutelano il territorio e lo presidiano. Nutrire la Terra non vuol dire solo nutrire gli abitanti della Terra ma anche nutrire i terreni, per avere prodotti sani e genuini.

Agricoltura sostenibile, gli Italiani hanno fiducia nell’ecofriendly

Probabilmente non tutti comprendono il legame che esiste fra sfruttamento della terra e nuove pandemie. Ricordiamo brevemente che un’agricoltura sostenibile, salvaguardando i territori, contrasta la deforestazione, che spinge verso gli abitati specie che non erano mai venute a contatto con l’uomo, e portatrici di nuove infezioni, che rispondono alla distruzione del proprio habitat spostandosi dove possono trovare risorse alimentari.

Sembra che proprio la pandemia abbia guidato la svolta ecofriendly nei consumi, con più di un abitante su quattro che ha iniziato a prediligere prodotti green. E green vuol dire molte cose: certo, agricoltura sostenibile e tutela del territorio ma anche acquisto di prodotti a minor impatto ambientale, eliminazione degli sprechi, energie rinnovabili, riciclo, dalla sharing economy alla mobilità sostenibile, come rilevato da Coldiretti.

Per migliorare la situazione ambientale, secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’, il 59% degli italiani ritiene che siano necessari interventi radicali e urgentissimi sullo stile di vita. Non è un caso, dunque, che nell’anno della pandemia si sia verificato un aumento del 26% della spesa direttamente dal contadino con i mercati degli agricoltori di Campagna Amica che, da nord a sud dell’Italia, nell’anno dell’emergenza Covid sono diventati punti di riferimento della consapevolezza ambientale nel piatto insieme al boom del biologico.

“Circa 30 milioni di italiani fanno la spesa dal contadino almeno una volta al mese con anche un impatto sulla riduzione dello spreco alimentare perché – spiega la Coldiretti – i cibi in vendita sono più freschi e durano di più e perché non devono percorrere lunghe distanze con le emissioni in atmosfera dovute alla combustione di benzina e gasolio”.

Sempre secondo l’indagine citata, per far arrivare sulle tavole italiane le ciliegie cilene, i frutti devono percorrere quasi 12mila chilometri, con un consumo di 6,9 chili di petrolio e l’emissione di 21,6 chili di anidride carbonica: simile l’impatto ambientale di altri prodotti come i mirtilli argentini (parliamo di frutta fuori stagione) e dell’anguria brasiliana. Ma gli esempi potrebbero essere infinti.

L’Italia, unico paese al mondo, può contare su una rete organizzata, Campagna Amica, come abbiamo visto, che organizza circa 1200 mercati a livello nazionale sia al chiuso sia all’aperto, con un’offerta alimentare variegata, dalla frutta e verdura, dall’olio al vino, dai formaggi ai fiori.

Agricoltura Piemonte, sostenibile e legale

Agricoltura e legalità: un importante progetto è stato varato negli scorsi giorni: si tratta del progetto Di.Agr.A.M.M.I di Legalità al centro-nord, contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo. Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha come obiettivo specifico integrazione migrazione legale.

Il progetto coinvolgerà circa Il progetto, che coinvolgerà circa 1.000 lavoratori e lavoratrici in tutta la regione, prevedendo interventi volti all’integrazione non solo lavorativa ma anche sociale, con lo scopo di sconfiggere il caporalato, vera piaga in un sistema agricolo che tenta invece la via virtuosa della sostenibilità e dell’etica.

Poiché il Piemonte vanta prodotti di eccellenza e non è possibile reperire integralmente una manodopera specializzata sul posto, i migranti rappresentano una forza insostituibile, come abbiamo potuto accertare nei mesi della pandemia, con l’impossibilità di raccogliere frutta e verdura proprio per mancanza di mano d’opera. E tuttavia il lavoro di qualità è possibile anche in agricoltura e deve essere un impegno per la politica, per le amministrazioni, per le aziende, le comunità e i lavoratori.

Non si creano eccellenze con lo sfruttamento e la degradazione del lavoro ma con progetti di integrazione, assistenza, solidarietà, accoglienza.

Condividi news

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp